Nella notte di Roma – Il nuovo romanzo di Antonello Venditti

Un incontro casuale. Una città sospesa. I suoi vizi capitali” Questo il sottotitolo del nuovo romanzo di Antonello Venditti presentato ieri a La Feltrinelli di Galleria Colonna (per i romani il nome rimarrà sempre lo stesso, con tutto il rispetto per Alberto Sordi) Nella notte di Roma è il frutto di un incontro casuale con una ragazza che viene da fuori Roma (Laura) avvenuto per caso sul Lungotevere una notte, rimasta vittima di una pioggia di guano. Lui la soccorre e da lì inizia un’avventura insieme dentro la Capitale. Conoscendo il cantautore si pensa subito che il racconto sia autobiografico. Lui non conferma. Ma neanche smentisce. Le sue parole, prima di immergersi nel firmacopie spaziano dal libro a Totti, passando per Mafia Capitale fino alle primarie del PD.

“Si svolge tutto in una notte, ma la notte è molto più lunga, senza questo incontro non avrei mai scritto questo romanzo, perché è dalla vita che traggo ispirazione. Ad esempio se non ci fossero stati gli stormi a Roma…. non avrei mai trovato parcheggio sul Lungotevere… Da questo romanzo esce una visione diversa di Roma, dal mio e dal suo punto di vista , c’è la Roma dove tutto si anima, la notte di Roma, attraverso i fari della mia Smart e gli occhi di Laura, un ‘friccicore’ che può regalare solo la nostra città”.

 

A proposito di politica, Venditti smentisce categoricamente di aver scelto di votare M5S alle prossime elezioni come riportato in copertina sul nuovo numero di Vanity Fair. Viene tirato per la giacca da più partiLui, uomo di sinistra, dichiara di aver preso posizione solo una volta nella vita, a favore di Enrico Berlinguer (al quale ha anche dedicato un brano Dolce Enrico, a sette anni dalla morte). Neanche si può dire che da questo racconto nasca un nuovo Antonello. Il suo impegno per il sociale e per una moralità da troppo tempo persa non è mai stato messo in discussione. Si è parlato poco o nulla di musica. Ma quella rimarrà sempre. Fortunatamente anche fuori dal Grande Raccordo Anulare…

 

@100CentoGradi

Annunci

Par tibi, Roma, nihil

Una Roma bagnata ha fatto da cornice alla presentazione del progetto Patrimonio storico e creazione contemporanea, messo a punto dalla Soprintendenza speciale per il Colosseo e l’area archeologica centrale insieme alla Fondazione Romaeuropa, che da giugno a novembre inaugurerà arti visive, musica e teatro, nei luoghi storici della Città Eterna. Roma bagnata ma non solo per colpa di tuoni e di un inverno in netto ritardo. Bagnata, zuppa di Storia, quella millenaria della Capitale. Il cuore pulsante di un luogo (lo Stadio Palatino di Domiziano) che finalmente riprenderà vita. Il 24 giugno partirà la mostra Par tibi, Roma, nihil ideata da Monique Veaute (Presidente della Fondazione Romaeuropa arte e cultura), curata da Raffaella Frascarelli e realizzata in collaborazione con Nomas foundation ed ElectaIl. L’arte farà riaprire anche il peristilio inferiore della Domus Augustana, mentre l’area pubblica tra il Colosseo e il Palatino (la Meta Sudans) ospiterà una grande installazione di Sislej Xhafa: una fontana di 30 metri di altezza fatta di tante mani di resina. Dal 4 al 9 luglio Alessandro Baricco delizierà gli spettatori con una rivisitazione del suo Palamede, l’eroe cancellato, Con lui, Valeria Solarino.Fino al 18 settembre, da Jannis Kounellis allo stesso Sislej Xhafa e Nico Vascellari, 27 artisti presenteranno le espressioni artistiche in una esposizione all’aperto che si articolerà dalle arcate, di solito chiuse al pubblico, e dal grande terrazzo della Domus severiana, al magnifico (e normalmente non accessibile) Stadio Palatino di Domiziano. Al termine della conferenza stampa, prima di una visita guidata effettuata con occhi stupefatti da tanta meraviglia, ha preso la parola il ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini 

«Ci sono tantissimi luoghi straordinari che i romani e il turismo internazionale spesso non conoscono, anche se meriterebbero. Portare in luoghi importanti dell’archeologia romana l’arte e la musica contemporanea è un modo di valorizzarli, tenerli vivi e di incrociare le arti tra loro. Non dobbiamo occuparci soltanto del glorioso passato che l’Italia ha avuto ma valorizzare lo straordinario patrimonio di creatività, talenti e contemporaneità che c’è nel nostro Paese»

“Par tibi, Roma, nihil” Non c’è nulla di comparabile a te, o Roma. Niente di più vero.

@100CentoGradi

Hijo de Puta I punti vendita!

Ecco tutti i punti vendita dove poter trovare il mio nuovo libro! Tutte le edicole e i link ai vari siti on line che distribuiscono Hijo de Puta. Disponibile, su richiesta, anche in tutte le librerie!

FILE EDICOLE

http://www.lafeltrinelli.it/libri/cicchinelli-orietta/hijo-de-puta-parabola-un/9788898803118

http://www.ibs.it/code/9788898803118/cicchinelli-orietta/hijo-de-puta-la.html

http://www.libreriauniversitaria.it/hijo-de-puta-parabola-legionario/libro/9788898803118

 

hijo metro

 

Il ritorno di Mimmo Locasciulli

 

Mimmo, quanti anni sono passati? Più di trenta sicuramente, andiamo a memoria. Google non serve quando si parla di Intorno a trent’anni (1982) il più grande successo, quello che l’ha reso popolare. Un pezzo con sonorità attualissime. E Confusi in un playback? Era nelle playlist di ogni radio quel duetto con Enrico Ruggeri. 1985, riscatto della musica italiana in un decennio pieno di dance d’oltralpe. Invece Mimmo Locasciulli festeggia ben quarant’anni di carriera. Non è mai stato un divo, ma nei suoi concerti difficilmente ci sono stati biglietti invenduti. La spontaneità e la genuinità del cantautore abruzzese sono quelle di un tempo. Sorridente e disponibile a qualsiasi tipo di quesito si è esibito oggi pomeriggio in Feltrinelli, a Roma. Accompagnato da una nuova band (presenti all’incontro due elementi: Nicola Di Camillo al contrabbasso e Mattia Feliciani al sax) ha deliziato la platea con diversi pezzi tratti da Piccoli cambiamenti, molto più che un best of. Per celebrare (pardon, festeggiare…) la ricorrenza, Locasciulli ha inciso un doppio cd con i suoi maggiori successi riarrangiati. Nel disco trovano spazio duetti con Alex Britti, Francesco De Gregori, Gigliola Cinquetti, Enrico Ruggeri, Andrea Mirò, Ligabue. Proprio con l’artista emiliano il singolo apripista. Quel Confusi in un playback magistralmente riproposto da entrambi. Indifferente alle mode o alle sollecitazioni di mercato, il cantautore ha seguito una sua personale strada musicale, fatta soprattutto di coerenza, ma anche di ricerca, di curiosità e di sconfinamenti in ambiti musicali diversi dal suo habitat artistico naturale. Con questa speciale dotazione egli si è conquistato, e ancora conserva, un posto di primissimo piano nel panorama della canzone d’autore italiana. Lo zoccolo duro non lo abbandonerà mai e chissà che anche qualcuno della generazione dei talent non si appassioni a un artista che mettendoci sempre la faccia, non ha mai deluso

 

 

@100CentoGradi

Niccolò Fabi Earth Day 2016

 

 

In occasione della Giornata della Terra, Metro ha ospitato nella sua redazione romana il cantautore Niccolò Fabi. Qui trovate il video e l’articolo con il Pdf da scaricare.

http://ns341012.ip-176-31-251.eu/pdf/20160422_Roma.pdf

 

 

 

 

Nel pomeriggio, l’artista ha invece presentato in Feltrinelli il suo nuovo disco Una somma di piccole cose, un album che lo vede mettersi finalmente a nudo. Un lavoro impubblicabile lo definisce. La copertina ad esempio è frutto di uno scatto fotografico di Fabi con il suo cellulare in una mattina a Campagnano (alle porte di Roma) dove vive. Tutti i brani sono stati scritti, suonati e registrati integralmente nello studio casalingo. Il singolo in rotazione radiofonica è Ha perso la città. Il cantautore, dopo l’intervista effettuata da Carolina Di Domenico si è esibito in quatto brani. Oltre al pezzo già citato, Una somma di piccole cose, Facciamo finta e Filosofia agricola. Tutti portano la sua firma. L’unica eccezione è Le cose non si mettono bene, scritto da un gruppo di Civitavecchia, Hellosocrates, il cui cantante Alessandro Dimito è morto due anni fa: “Li ho conosciuti a Musicultura e li ho seguiti fino a quando ho saputo della morte di Alessandro. Spesso la morte di un artista ha un valore non solo umano ma anche simbolico. In qualche modo è stato un passaggio di consegne da parte di un uomo che l’ha scritta e non ha potuto farla ascoltare a qualcuno che magari al posto suo cerca di farla sentire a più persone. Un omaggio alla sua bravura” le parole di Niccolò.

 

 

@100CentoGradi  Unica foto non di proprietà del sito è l’ultima (in bianco e nero) © Simone Cecchetti

Zeta – Il film

Fedez, J-Ax, Clementino, Ensi, Briga, Rocco Hunt e Baby K. Un parterre del genere, tra rapper divenuti star del pop e altri ancora sulla scena da far impallidire perfino One Two One Two, storico programma del venerdì sera in onda su Radio Deejay (che il film sia sponsorizzato da Radio 105 è un mistero gaudioso). Invece parliamo delle star dell’ennesimo film generazionale sulla Roma dei nostri giorni. Con più asperità rispetto a Jeeg robot fresco trionfatore dei David di Donatello e di The Pills, prodotto riuscito a metà ma che avrebbe meritato maggior fortuna. Una pellicola “nata ai bordi di periferia” dove i tram non passavano negli anni 80, figuriamoci ora. A Corviale, poi… Ora gira l’erba (purtroppo non quella di Celentano…) e se vuoi fare un salto di qualità, spacciando polvere bianca, finisci accoltellato e morente in mezzo a una stradina abbandonata in una notte che più buia non si può. Si parla di rap, però. Di hip hop precisamente. Un film dedicato alla memoria del leader dei Cor Veleno (David Berardi, meglio conosciuto come Primo Brown) scomparso la notte di Capodanno. La regia è di Cosimo Alemà, uno dei più famosi nel campo dei videoclip. In conferenza stampa è palpabile la sua soddisfazione

“Volevo fare un film anche su mio amore personale per la musica, che è l’amore che vedo oggi nei ragazzi perché credo che l’hip hop e il rap siano la prima cultura musicale che veramente appassiona. E’ tutto realmente credibile e a mio avviso rappresenta bene le sfaccettature di questo genere, c’è la parte più commerciale, l’underground, le battle di freestyle, le canzoni composte in studio, è una foto abbastanza fedele della scena”

Il protagonista principale è Alex/Zeta (Diego Germini) leader con il suo amico Marco (Jacopo Olmo Antinori) del duo Anti. Innamorati della stessa ragazza, Gaia (Irene Vetere) si trovano costretti ben presto a dividere le loro strade. Il primo spopola, il secondo fa una brutta fine (vedi sopra…), la terza è in balia degli eventi. Perché il successo non è facile da gestire, figurarsi il vuoto cosmico. Diego Germini nella vita è Izi, un rapper in ascesa. Nel film è figlio di una famiglia romana con padre ligure come lui (che viene da Cogoleto, paese di periferia genovese) e fratello di Tina (l’esordiente Angelica Granato Renzi) tutti perfettamente a loro agio davanti alla macchina da presa. Storia cruda, si era detto, ma profondamente vera. E’ una generazione piena di sfaccettature negative, vero. Ma sono i nostri figli, fratelli. Colpe e meriti sono di tutti. Quantomeno Zeta è una storia hip hop di formazione, amicizia, amore e riscatto; una corsa a ritmo di rap all’inseguimento dei propri sogni e del proprio destino. Corviale come Genova…come tutta Italia.

 

 

@100CentoGradi

HOMICIDE HOUSE di Emanuele Aldrovandi al Teatro Dell’Orologio

 

Imperdibile al Teatro dell’Orologio di Roma il testo agrodolce di Emanuele AldrovandiHomicide House” in scena fino a sabato 16. Quattro personaggi, sospesi nell’animo come il tavolo e la sedia dell’essenziale scenografia, s’interrogano sfruttando un gioco crudele su Verità e Menzogna, immaginando l’Amore come unica e contraddittoria Realtà da dimostrare. Quattro attori, Luca Cattani, Cecilia Di Donato, Marco Maccieri (anche regista) e Valeria Perdonò, uno più bravo dell’altro, manichini abusati dal Male scandiscono battute a tratti degne di una pagina filosofica sulla miseria della prosa quotidiana, umanizzata nel Desiderio della verifica necessaria all’infantile dubbio quando diventa perversione adulta. I recenti fatti di cronaca nera romana ritrovano sinistre assonanze in questa piccola pièce, capace di distogliere il pensiero lugubre grazie a un linguaggio tessuto a spirale, a tratti esilarante. Si possono intuire distribuiti come in gironi danteschi l’Odio e l’Invidia dello psicopatico, l’avidità rivendicativa dell’Usura, accanto all’Ira della superbia ferita e impotente. Al sicuro e senza gloria, il sopravvissuto invero del tutto morto, che tanto somiglia al nome che ripete: l’Uomo (di sempre, forse, di sicuro d’oggi).

ELIO SENA

 

 

 

PATTY PRAVO ALL’AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA DI ROMA

 

Ieri sera, 10 aprile 2016, nella Sala Santa Cecilia dell’Auditorium si è esibita Patty Pravo, nell’unica data romana del suo “Eccomi Tour”: successo prevedibile di una serata piacevole e un po’ disincantata. Sessantotto primavere di sguardi magnetici, carriera cinquantennale con brusche cadute e rinascite inattese, milioni di dischi venduti per canzoni molto belle sempre e veri capolavori talvolta, il ricordo di una voce fuori da ogni registro e perciò trappola di ogni teorica alternativa: tutto questo ha richiamato al Parco della Musica un foltissimo pubblico, scandito in almeno tre generazioni, già canticchiante al bar, nella cavea e nella fila d’ingresso… Ottimi musicisti inseriti in una metallica scenografia essenziale supportano il Mito, non tanto appassionato di sé, che raggiunge il palco dopo il cadenzato Intro del primo pezzo: “La vita è qui”; seguono l’hit sanremese “Cieli immensi” e “Per difenderti da me” di Tiziano Ferro, dall’ultimo CD, da cui la Pravo propone in concerto, alternati ai classici, anche i brani: “A parte te” (gran pezzo di Giuliano Sangiorgi, autore anche di “Unisono”, del 2011 e ugualmente in scaletta), “Ci rivedremo poi”, “Come una preghiera” (autore del figlio di Mogol che, per non sfigurare, usa il nom de plume Cheope, che Patty trova buffo assai), “Nuvole” (invocata a gran voce fin dall’inizio, è stata cantata con trasporto collettivo alla fine dello spettacolo) e “Qualche cosa di diverso” (perla perfetta di Zibba, interpretata bene anche dal vivo, sembra davvero il brano migliore dell’ottimo “Eccomi” ).

Rabberci e stonature a parte, Nicoletta ha emozionato certo i faziosi fans ma forse anche i critici più ostili, perché è riuscita (ma come fa?) con imponderabile malia a disattivare nel pubblico ogni circuito giudicante per lasciar nudo il nucleo emotivo, di cui quella voce e quella dizione, imperfette e straordinarie, sembrano essere assolute regine ormai da mezzo secolo. Così, ai primi accordi di “Non andare via” i sudditi sono tutti rientrati ai loro posti e in religioso silenzio hanno ascoltato una vibrante e sofferta esecuzione, senza dubbio il vertice interpretativo della serata, di un classico ogni volta nuovo.

Patty è sembrata a suo agio soprattutto con i suoi cavalli di battaglia: “Pazza idea”, “Ragazzo triste”, “Il Paradiso”, “Sentimento”, “Pensiero stupendo” e l’immarcescibile “Bambola”, proposta nella versione 2008 celebrativa del quarantennale; attenta nel riproporre la bellissima e sfortunata “Il vento e le rose”, trascinante nell’abbraccio del pubblico complice in “… e dimmi che non vuoi morire”.

Vengono dal passato due “novità”: la suggestiva e un po’ sulfurea “Dimensione”, tratta dal bellissimo “Munich Album” del 1979, e la commovente “Dove andranno i nostri fiori” classico contro ogni guerra ripreso dal long-playing “Tanto” del 1976, pieno di ottimi pezzi arrangiati da Vangelis.

Pubblico a bordo palco e pressoché tutto in piedi consente alla Pravo il saluto finale che è ormai una ritrovata bandiera, la canzone più bella: “Tutt’al più” .

 

 

Elio SENA

 

 

 

 

 

Tiromancino – Piccoli miracoli nel cuore di Roma

 

Un’intera famiglia canterina. Lui, Ulisse sul palco (sembra proprio l’eroe mitologico greco con quella barba e quei capelli così folti) e moglie e figlioletta a cantare sedute in mezzo alla folla. Lui è Federico Zampaglione, lei è Claudia Gerini. L’attrice romana non è voluta mancare alla nascita della creatura dei Tiromancino. Il cd Nel respiro del mondo appena uscito sul mercato discografico è stato presentato in Feltrinelli a Roma dal cantante e da Stefano Mannucci, giornalista de Il Tempo, gran cerimoniere. Una piacevole chiacchierata sui pezzi del nuovo album, senza fronzoli e senza inutili pettegolezzi. Ad ascoltarli più di 300 persone, compreso il papà dell’artista e il campione in carica dei pesi leggeri Ibo (parliamo di pugilato) Emiliano Marsili. Poi, lo showcase con ben cinque canzoni nuove presentate. Apertura dedicata a Piccoli Miracoli, brano in airplay radiofonico e colonna sonora del film Nemiche per la pelle dove recitano appunto la Gerini e Margherita Buy. https://oriettacicchinelli.com/2016/04/07/nemiche-per-la-pelle/

Spazio poi a Onda che vai, Molo 4, Mare aperto, e L’ultimo treno della notte (uno dei pezzi più belli dell’intero disco). La più bella? Come musica per sempre, irradiata dalle casse della libreria in Via Appia. Ma tutto il disco merita di essere…consumato!

 

 

 

@100CentoGradi

Hijo De Puta – Rassegna Stampa Completa

RASSEGNA ONLINE

 

 

Tutti i file per essere visualizzati correttamente vanno scaricati

I link dai quali sono stati scansionati sono nell’ordine:

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
A tutti va il nostro ringraziamento!!!

 

STAMPA

 

LA VOCE pagina 6 Cultura – martedì 12 aprile 2016

TROVAROMA di LA REPUBBLICAgiovedì 14 aprile 2016

METROgiovedì 14 aprile 2016

CORRIERE DELLA SERA ROMA – venerdì 15 aprile 2016

IL MESSAGGERO CRONACA DI ROMA – venerdì 15 aprile 2016

IL TEMPO ROMA – venerdì 15 aprile 2016

LEGGO ROMAvenerdì 15 aprile 2016

IL TEMPO ROMAgiovedì 12 maggio 2016

LEGGO ROMAgiovedì 12 maggio 2016

LA REPUBBLICA ROMAgiovedì 12 maggio 2016

METRO ROMAgiovedì 12 maggio 2016

METRO ROMAgiovedì 26 maggio 2016

LA STAMPA INSERTO TUTTOLIBRI – sabato 04 06 2016

IL TEMPO ROMA – giovedì 09 06 2016

METRO ROMA – giovedì 09 06 2016

METRO ROMA – mercoledì 22 06 2016

IL CORRIERE DELL’UMBRIA –  venerdì 24 06 2016

TUTTO IL MONDO E’ GOSSIP – luglio 2016

LEGGO ROMA – martedì 12 07 2016

METRO ROMA – martedì 12 07 2016

 

 

FILE DA YOUTUBE

La stampa del libro

 

 

 

RADIO

RADIO ROMATRE martedì 12 aprile ore 17:45
KEEP RADIO – mercoledì 13 aprile ore 21:40
PRIMA RADIOgiovedì 14 aprile ore 11:30
WE WANT RADIO – giovedì 14 aprile ore 22.10
RADIO ROMA CAPITALE –  venerdì 15 aprile 2016 ore 09:20 https://www.youtube.com/watch?v=_O75qcoZO_0
RADIO UNO RAI TGR GIORNALE RADIO LAZIO e TGR LAZIO RAI TRE – venerdì 15 aprile 2016 ore 12:20/14:20
TELE RADIO PIU’ sabato 16 aprile 2016 ore 12:40  https://www.youtube.com/watch?v=uSOMocV5dI0
RADIO SAPIENZA –  mercoledì 04 maggio 2016 
RADIO GODOTgiovedì 19 maggio 2016
TV
BUONGIORNO REGIONE LAZIO – lunedì 09 05 2016 ore 07:48
TEF CHANNEL NEWS – servizio Palazzo Mauri (Spoleto) – venerdì 24 giugno 2016
IL CAFFE’ DI RAIUNO – lunedì 25 07 2016 ore 06:18
FOTO&SELFIE