The Joshua Tree Tour 2017, gli U2 stregano Roma

Trent’anni. Praticamente una vita fa. Trent’anni e non sentirli, nonostante il mondo sia totalmente cambiato. O meglio non esista più. 1987, il muro di Berlino (tanto per semplificare il ragionamento) era ancora in piedi e sarebbe crollato due anni e mezzo dopo. The Joshua Tree, capolavoro degli U2, dunque, ritorna dirompente nel 2017. E si erge ancora una volta a disco sublime e imprescindibile in ogni collezione discografica. Bono & co. sono tornati a Roma per due sere nell’ambito dei festeggiamenti. Il trentennale in The Joshua Tree Tour 2017. Mancavano dalla Capitale, in verità, da “soli” 7 anni, ma la memoria collettiva dei presenti viaggiava alla magica notte del 27 maggio 87, allo Stadio Flaminio (ebbene sì, l’ormai fatiscente struttura in quel periodo vide passare autentici mostri sacri del rock…) quando la band irlandese diventò a tutti gli effetti paladina di un nuovo modo di suonare. Troppo superiore alla media il suono della chitarra di The Edge, troppo incisivo il Fender Jazz Bass di Adam Clayton. E del suono della batteria di Larry Mullen Jr.? Poi… Bono Vox che non si può e non si deve discutere. Ebbene, come in quella notte lontana anni luce, Roma ha respirato. Ha ballato, cantato e riflettuto. Forse i monologhi-sermoni del leader sono apparsi ripetitivi; addirittura il Guardian l’ha preso di mira lanciando strali inequivocabili:” Tra uno show di beneficenza e l’altro – si legge sul quotidiano britannico – ha spostato la residenza fiscale nelle Antille, con buona pace delle sue battaglie terzomondiste”.  Ieri sera Bono ha ringraziato la Guardia costiera italiana per aver salvato migliaia di vite durante gli sbarchi degli immigrati, prima di intonare Miss Sarajevo (ribattezzata Miss Syria) con l’eco della voce di Luciano Pavarotti, incisa su disco nel 1995. Poi un crescendo fino alla ballad più famosa: One, capace di sciogliere anche i cuori più freddi. Nella prima parte del live, sono state riproposte tutte le tracce del disco, aggiungendo le immancabili Sunday Bloody Sunday e Pride (in the name of love). Due ore piene di musica. Acustica perfetta (a Roma è un miracolo) tanto che chi stava seduto in Monte Mario aveva quasi l’effetto di essere in un acquario. Le voci provenienti dal prato parevano quasi soffocate anche se (c’è da giurarci) erano tutti in visibilio. Il momento più toccante? Mothers of the Disappeared, con le immagini delle donne che più hanno fatto la storia. Anche Rita Levi Montalcini e una giovanissima Patty Smith tra le tante. E proprio durante questo pezzo, Bono ha scelto una ragazza in prima fila per accompagnarlo durante l’esibizione. Fece lo stesso nell’87 ma, in quell’occasione, fece salire una teenager vedendola in difficoltà e offrendole un bicchiere d’acqua. Il live, che ha visto la presenza sugli spalti tra gli altri di Luciano Ligabue, Marina Rei e Paolo Sorrentino, è stato aperto da una fenomenale esibizione di Noel Gallagher. Per i puristi e i soloni poteva anche bastare lui. Ma gli U2 sono riusciti a mettere tutti d’accordo. Per il cinquantennale saremo ancora tutti qui. A… Bono piacendo

Scaletta

Sunday Bloody Sunday

New Year’s Day

A Sort of Homecoming

Pride (In the Name of Love)

Where the Streets Have No Name

I Still Haven’t Found What I’m Looking For

With or Without You

Bullet the Blue Sky

Running to Stand Still

Red Hill Mining Town

In God’s Country

Trip Through Your Wires

One Tree Hill

Exit

Mothers of the Disappeared

Miss Sarajevo

Beautiful Day

Elevation

Vertigo

Mysterious Ways

Ultraviolet (Light My Way)

One

@100CentoGradi     

Solo amore. È la notte di Renga

Non poteva esserci luna migliore a salutare la tappa romana dello Scriverò il tuo nome Tour, la sessione estiva dei concerti di Francesco Renga. Meravigliosa, tra le nuvole: proprio come nella sua canzone più famosa. Ed era piena, bella, a illuminare una tra le serate più umide dell’anno. Nelle tribune della Cavea, nell’ormai consueto spazio all’aperto fornito dall’Auditorium, l’effetto non si notava molto ma in platea tra palloncini a forma di cuore e immancabili selfie, il connubio planetario-canzonettiero ha regalato uno spettacolo notevole. Il pubblico, perlopiù formato da ragazze in visibilio ha accompagnato il cantante friulano in una carrellata di successi. La partenza (un quarto d’ora di ritardo accademico) con il maxischermo proiettante il video del pezzo che dà il nome al tour (e all’ultimo lavoro discografico) poi la dichiarazione dell’artista:” Siete voi a darmi la forza, non posso più farne a meno. Questa sarà una serata dedicata all’amore che quasi mai è un momento felice. Ma come in tutte le situazioni della vita bisogna godere degli attimi. Io, questa serata, me la godrò appieno. Oggi sto bene”. A nessuno sfugge il gossip (non è una fortuna) e quest’estate l’ex di Renga, Ambra Angiolini viene paparazzata con l’allenatore juventino Allegri. Lui accarezza l’argomento e prima di intonare il brano vincitore di uno dei Festival più sfortunati della storia (non come ascolti ma come fatti accaduti durante quell’interminabile settimana di marzo 2005) ne esce da gran signore. “Non sono stato fortunato, ma ho avuto in dono una splendida figlia. Per lei scrissi Angelo“. Così facendo, fuga ogni dubbio sulla reale dedica del pezzo; anni fa si pensava fosse stato scritto per la compagna. Le canzoni più acclamate? Il mio giorno più bello nel mondo, Vivendo adesso e A un isolato da te tutti brani tratti dal penultimo lavoro di Renga. Dall’ultimo disco Guardami amore e la chiusura con L’amore sa hanno ottenuto il maggior numero di voci in coro. Ma moltissimi singoli che sembravano dimenticati sono stati rispolverati. Ed erano tutti successi nell’airplay radiofonico. Il brano più emozionante? Quello, forse, meno conosciuto: Sulla pelle, testimonianza di un periodo storico allucinante, con il refrain …e la vita intanto passa te la senti sulla pelle, è un brivido veloce ma quando te ne accorgi è già dietro alle tue spalle

@100CentoGradi