PATTY PRAVO ALL’AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA DI ROMA

 

Ieri sera, 10 aprile 2016, nella Sala Santa Cecilia dell’Auditorium si è esibita Patty Pravo, nell’unica data romana del suo “Eccomi Tour”: successo prevedibile di una serata piacevole e un po’ disincantata. Sessantotto primavere di sguardi magnetici, carriera cinquantennale con brusche cadute e rinascite inattese, milioni di dischi venduti per canzoni molto belle sempre e veri capolavori talvolta, il ricordo di una voce fuori da ogni registro e perciò trappola di ogni teorica alternativa: tutto questo ha richiamato al Parco della Musica un foltissimo pubblico, scandito in almeno tre generazioni, già canticchiante al bar, nella cavea e nella fila d’ingresso… Ottimi musicisti inseriti in una metallica scenografia essenziale supportano il Mito, non tanto appassionato di sé, che raggiunge il palco dopo il cadenzato Intro del primo pezzo: “La vita è qui”; seguono l’hit sanremese “Cieli immensi” e “Per difenderti da me” di Tiziano Ferro, dall’ultimo CD, da cui la Pravo propone in concerto, alternati ai classici, anche i brani: “A parte te” (gran pezzo di Giuliano Sangiorgi, autore anche di “Unisono”, del 2011 e ugualmente in scaletta), “Ci rivedremo poi”, “Come una preghiera” (autore del figlio di Mogol che, per non sfigurare, usa il nom de plume Cheope, che Patty trova buffo assai), “Nuvole” (invocata a gran voce fin dall’inizio, è stata cantata con trasporto collettivo alla fine dello spettacolo) e “Qualche cosa di diverso” (perla perfetta di Zibba, interpretata bene anche dal vivo, sembra davvero il brano migliore dell’ottimo “Eccomi” ).

Rabberci e stonature a parte, Nicoletta ha emozionato certo i faziosi fans ma forse anche i critici più ostili, perché è riuscita (ma come fa?) con imponderabile malia a disattivare nel pubblico ogni circuito giudicante per lasciar nudo il nucleo emotivo, di cui quella voce e quella dizione, imperfette e straordinarie, sembrano essere assolute regine ormai da mezzo secolo. Così, ai primi accordi di “Non andare via” i sudditi sono tutti rientrati ai loro posti e in religioso silenzio hanno ascoltato una vibrante e sofferta esecuzione, senza dubbio il vertice interpretativo della serata, di un classico ogni volta nuovo.

Patty è sembrata a suo agio soprattutto con i suoi cavalli di battaglia: “Pazza idea”, “Ragazzo triste”, “Il Paradiso”, “Sentimento”, “Pensiero stupendo” e l’immarcescibile “Bambola”, proposta nella versione 2008 celebrativa del quarantennale; attenta nel riproporre la bellissima e sfortunata “Il vento e le rose”, trascinante nell’abbraccio del pubblico complice in “… e dimmi che non vuoi morire”.

Vengono dal passato due “novità”: la suggestiva e un po’ sulfurea “Dimensione”, tratta dal bellissimo “Munich Album” del 1979, e la commovente “Dove andranno i nostri fiori” classico contro ogni guerra ripreso dal long-playing “Tanto” del 1976, pieno di ottimi pezzi arrangiati da Vangelis.

Pubblico a bordo palco e pressoché tutto in piedi consente alla Pravo il saluto finale che è ormai una ritrovata bandiera, la canzone più bella: “Tutt’al più” .

 

 

Elio SENA

 

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...