Grazie Capitano!

Lo scudetto, il gol splendido al Torino, il cucchiaio al derby, i 40 anni e i mondiali vinti. Ci mancherai Capitano!!!

 

Annunci

Sicilian Ghost Story

 

Un pugno allo stomaco. Forte, da knockout immediato. Giù alla prima ripresa. Senza possibilità di proseguire l’incontro. E’ la storia di uno dei più atroci delitti di mafia in Italia, nei suoi anni d’oro. Quelli della strategia della tensione a Roma, Firenze e Milano (fatti di bombe) e degli omicidi a Palermo (Falcone e Borsellino su tutti). Sicilian Ghost Story narra con estrema durezza lo strangolamento del piccolo Giuseppe Di Matteo, figlio del pentito Santino. A quest’ultimo non venne mai perdonato il ruolo di collaboratore di giustizia. Giuseppe venne rapito da un gruppo di mafiosi, su ordine di Giovanni Brusca, travestiti da poliziotti della DIA. Il piccolo fu legato e lasciato nel cassone di un furgoncino Fiat Fiorino, prima di essere consegnato ai suoi carcerieri. Da lì, il tentativo fallito miseramente di ottenere un benché minimo riscatto. E la morte, atroce, del piccolo sciolto nell’acido. Nel film c’è un legame tra sogno e incubo e, non conoscendo la storia, lo spettatore si troverà di fronte a una favola noir con un amore impossibile tra due adolescenti (Giuseppe, appunto e la compagna di scuola Luna interpretata dalla bravissima Julia Jedlikowska). Il finale è tristemente noto ma la cura con la quale Grassadonia e Piazza hanno curato la pellicola merita un plauso e una visione quanto più attenta. Per non dimenticare. A Palermo e non solo. Il film esce oggi nelle sale ed ha aperto la Semaine de la critique al Festival di Cannes.

locandina

@100CentoGradi

 

Facciamo che io ero

Debutterà giovedì 18 maggio il one woman show dell’artista comica Virginia Raffaele. Un varietà in quattro puntate, che avrà come titolo Facciamo che io ero e che andrà in onda dalle 21:20, per quattro puntate, su Raidue. Stamattina la presentazione alla stampa. Prossimamente su http://www.metronews.it

@100CentoGradi