Sanremo è adesso. Capitan Baglioni, si parte!

Dal «parappapapparà» al «popòpopoppoppò». No, non è un delirio presanremese, per quanto possa sembrare. E’ l’ultima polemica legata al carrozzone festivaliero che tra poche ore verrà varato. In realtà all’Ariston già si canta da giorni: prove interminabili mentre nel backstage l’attesa per avere più ospiti possibili è febbrile. A memoria, non c’era mai stata tanta smania nell’avere o meno tanti cantanti fuori gara. Si rischia di oscurare i big. Ma, tornando indietro negli anni, ricordiamo come il primo intervento canterino fuori dai canoni fu proprio quello di Claudio Baglioni. Era il 1985 e il neo direttore artistico salì sul palco per interpretare Questo piccolo grande amore votata “canzone del secolo”. Quindi, nessun stupore. E gli ospiti saranno davvero tanti. Da Laura Pausini (in forse per una fastidiosissima laringite e febbre alta) a Biagio Antonacci, dai Negramaro a Max Pezzali, Francesco Renga e Nek fino a Gianni Morandi. Nel mezzo tra gli altri: Piero Pelù, Il Volo e Giorgia. C’è da dire che Baglioni sta curando nei minimi dettagli, con un’attenzione maniacale, come sempre ha fatto. Personaggio che non scende mai a compromessi, capace di bacchettare continuamente la sua scelta femminile Michelle Hunziker (ne azzeccasse una…) in ogni conferenza stampa. Accanto a lei, Pierfrancesco Favino che non sembra affatto teso «Già so che lunedì prossimo avrò nostalgia di Sanremo: ricominceranno a trattarmi male, io vorrò fare le prove e invece mi manderanno a fare la spesa. Stare su un palco fa parte della mia vita, anche se non su questo palco: è una cosa che dà tantissima adrenalina e una sfida elettrizzante. Certo non mi aspettavo questa atmosfera da Nazioni Unite». Baglioni parla invece, come suo costume, in modo forbito spiegando quello che già tutti sanno: ospiti o meno, ci sarà solo tanta musica

La stella polare di Sanremo è sempre stata la musica, ma negli ultimi anni la navigazione ha preso un’altra direzione. Un cantante come direttore artistico — la cosa più naturale per il Festival della musica italiana — è stata un’ipotesi che non è stata presa in considerazione nelle ultime edizioni. Anche Morandi ha fatto in fondo solo il conduttore. In questo Festival non vedrete astronauti o sportivi, la musica sarà centrale.

Approfondisce il concetto il direttore di Rai1 Angelo Teodoli:

Lo strappo alla regola, il segno di discontinuità rispetto alle scorse edizioni è lo spazio alla musica: non solo i cantanti in gara, ma anche tanti cantanti come superospiti. Questo Festival sarà un prodotto meno televisivo e più artistico

Tornando alla querelle del motivetto, a Sanremo ogni cantante interpreterà una parte del testo e il ritornello sarà proprio quel «popòpopoppoppò» destinato a fare da tormentone. Pare che molti di loro abbiano storto il naso, anche per un problema di tempistica. «Baglioni o chi per lui ci ha fatto arrivare la richiesta all’ultimo momento – dichiara un addetto ai lavori – e qualche discografico, uno in particolare, si è talmente irritato da chiedere ai suoi artisti di non firmare la liberatoria». Pare ci sia voluta tutta la forza persuasiva di un supermediatore come l’ex presidente della Warner a far da paciere. Altra polemica è quella riguardante il premio alla carriera. Verrà consegnato a Milva. O meglio, a sua figlia. Sui social, la figlia di Sergio Endrigo (Claudia) è scatenata. Proprio quest’anno si celebra il cinquantennale della vittoria del cantautore di Pola con l’immensa Canzone per te e in molti chiedevano un ricordo. Verrà fatto da… Il Volo. Capirete la differenza.

Primo ospite del festival: Fiorello. Ansiosissimo ha dichiarato:”Claudio, #escimipresto, ti prego, così mi tolgo il pensiero! L’ansia me se magna. Ma chi me lo ha fatto fare’. E’ atteso al teatro Ariston, ma non dovrebbe provare, anche perché, ribadisce minimizzando il suo ruolo, “farò solo lo scaldapubblico” e il copione sarà di una riga “su le mani, giù le mani”. Le aspettative sulla sua incursione e su quello che farà accrescono la sua ansia da prestazione. “Sarò talmente critico su me stesso – conclude – che sui social mi insulterò da solo”.

I cantanti e le canzoni in gara al Festival di Sanremo per la categoria “Campioni”

Annalisa – Il mondo prima di te (venerdì si esibisce con Michele Bravi)
Decibel – Lettera dal Duca (venerdì si esibiscono con Midge Ure)
Diodato e Roy Paci – Adesso (venerdì si esibiscono con Ghemon)
Elio e le Storie Tese – Arrivedorci (venerdì si esibiscono con i Neri per Caso)
Enzo Avitabile e Peppe Servillo – Il coraggio di ogni giorno (venerdì si esibiscono con Avion Travel e Daby Touré)
Ermal Meta e Fabrizio Moro – Non mi avete fatto niente (venerdì si esibiscono con Simone Cristicchi)
Giovanni Caccamo – Eterno (venerdì si esibisce con Arisa)
Le Vibrazioni – Così sbagliato (venerdì si esibiscono con Skin)
Lo Stato Sociale – Una vita in vacanza (venerdì si esibiscono con il Piccolo Coro dell’Antoniano e Paolo Rossi)
Luca Barbarossa – Passame er sale (venerdì si esibisce con Anna Foglietta)
Mario Biondi – Rivederti  (venerdì si esibisce con Ana Carolina e Daniel Jobim)
Max Gazzè – La leggenda di Cristalda e Pizzomunno (venerdì si esibisce con Rita Marcotulli e Roberto Gatto)
Nina Zilli – Senza appartenere (venerdì si esibisce con Sergio Cammariere)
Noemi – Non smettere mai di cercarmi (venerdì si esibisce con Paola Turci)
Ornella Vanoni con Bungaro e Pacifico – Imparare ad amarsi (venerdì si esibiscono con Alessandro Preziosi)
Red Canzian – Ognuno ha il suo racconto (venerdì si esibisce con Marco Masini)
Renzo Rubino – Custodire (venerdì si esibisce con Serena Rossi)
Roby Facchinetti e Riccardo Fogli – Il segreto del tempo (venerdì si esibiscono con Giusy Ferreri)
Ron – Almeno pensami (venerdì si esibisce con Alice)
The Kolors – Frida (mai, mai, mai) (venerdì si esibiscono con Tullio De Piscopo e Enrico Nigiotti)

I cantanti e le canzoni in gara al Festival di Sanremo per la categoria “Nuove proposte”

Lorenzo Baglioni – Il congiuntivo
Mirkoeilcane – Stiamo tutti bene
Eva – Cosa ti salverà
Giulia Casieri – Come stai
Mudimbi – Il mago
Ultimo – Il ballo delle incertezze
Leonardo Monteiro – Bianca
Alice Caioli – Specchi rotti

 

Come funziona quest’anno il Festival di Sanremo

I telespettatori possono votare le proprie canzoni preferite con il televoto. La differenza principale di questa edizione del Festival è che non ci saranno cantanti eliminati di serata in serata: tutti e 20 arriveranno a sabato sera, quando verrà stilata una classifica preliminare e verranno esclusi automaticamente tutti i cantanti sotto al terzo posto. Chi vincerà lo spareggio tra i primi tre classificati sarà il vincitore del Festival di Sanremo.

Martedì sera le canzoni saranno votate con un sistema che terrà conto per il 40 per cento del televoto, per il 30 per cento del giudizio dei membri della giuria della sala stampa e per il 30 per cento della giuria demoscopica, formata da 300 normali fruitori di musica scelti in modo da essere rappresentativi della popolazione italiana.

Mercoledì sera si esibiranno 10 dei 20 “Campioni” (e 4 delle 8 “Nuove proposte”) in gara: saranno votati con lo stesso procedimento usato martedì.

Giovedì sera sarà il turno dei rimanenti 10 “Campioni” (e 4 “Nuove proposte”), votati con il solito sistema. Alla fine della serata verrà stilata una classifica parziale dei “Campioni”, che terrà conto dei voti ottenuti martedì da tutti gli artisti, di quelli ottenuti mercoledì dai primi 10 e di quelli ottenuti giovedì dai secondi 10.

Venerdì sera i 20 “Campioni” canteranno una versione rivisitata della loro canzone con un altro artista: la votazione terrà conto per il 40 per cento del televoto, per il 30 per cento del giudizio della giuria della sala stampa e per il 30 per cento del voto della “giuria di esperti” del Festival (professionisti nello spettacolo, nella musica o nel giornalismo). Sempre venerdì si esibiranno tutti e 8 gli artisti che gareggiano per la categorie “Nuove proposte”: uno di loro sarà proclamato vincitore dopo una votazione ripartita tra televoto, giuria della sala stampa e giuria di esperti.

Sabato sera si esibiranno tutti e 20 i “Campioni” in gara: saranno votati con lo stesso sistema della quarta serata. Verrà stilata un’altra classifica parziale sulla base dei voti ottenuti in tutte le serate precedenti, e saranno assegnati diversi premi (tra cui quello della critica). Quindi verranno eliminati 17 artisti su 20: resteranno in gara solo i primi 3 “Campioni” in classifica. Il loro punteggio verrà azzerato, e si sfideranno in uno spareggio da cui uscirà il vincitore del Festival di Sanremo.

PIERLUIGI CANDOTTI

Mannucci incontra… La vera estate in musica

Tremila, quattromila? Che importa? Organizzatori e questura non avranno conti da fare dopo la serata di ieri sera in Piazza Duca degli Abruzzi, dove è andato in scena l’attesissimo appuntamento del Festival internazionale di Mezza EstateMannucci incontra”. La realtà è che, quando un prodotto qualitativamente vale, non corre alcun rischio. In un’estate ancora una volta orfana della carovana del Festivalbar e in preda agli spasmi di Alvaro Soler e ai vari rigurgiti latinoamericani, un live come quello proposto da Stefano Mannucci è una vera e propria boccata d’ossigeno. Per l’ennesima volta, il giornalista appena approdato a Il Fatto Quotidiano, ha saputo creare un’atmosfera calda e intima come in tutti gli eventi da lui condotti. Si può ben dire:” Sono stato ospite di Casa Mannucci”. Il clima era quello. Cinque nomi sul palcoscenico. Tutti a ricevere ovazioni. E se nelle prove pomeridiane, l’applausometro virtuale aveva premiato l’unica donna presente, la serata ha vissuto il picco di emozioni con l’esibizione di Fabrizio Moro. Chitarra e voce o con la band, ha regalato pezzi come Pensa, Libero, Eppure mi hai cambiato la vita (finalmente eseguita interamente) dopo aver “scortato” Elodie in Un’altra vita (brano scritto da lui per la reduce di Amici) e prima di deliziare tutti con Sono solo parole (altro suo piccolo capolavoro regalato a Noemi) stravolgendo la sua personalissima scaletta. Dietro al palco l’aria di festa è stata leggermente rovinata dalla mancanza di filtraggio da parte della security che ha permesso alla folla di sfondare i cordoni riservati agli addetti ai lavori. Ma nessuno prevedeva un successo del genere. O forse si era fatto troppo affidamento al buonsenso del pubblico. Ma questa è solo una nota di cronaca, impercettibile goccia nell’oceano musicale che ha invaso le strade del centro abruzzese. Fan venuti da tutto il centro Italia per applaudire Luca Napolitano (il primo a salire sul palco, interprete di Ci whatsappiamo (quasi trentamila visualizzazioni sul web) e di A Sud di New York, anni fa cantata in coppia con Federica Camba), Paolo Simoni (tornato alla ribalta dopo il successone radiofonico di Non sono solo canzonette del 2012, con un disco da ascoltare attentamente il cui titolo è tutto un programma: Noi siamo la scelta) Nesli (che fosse fratello di Fabri Fibra ha tenuto a ricordarlo recentemente Vanity Fair, lui ha una dimensione ben delineata anche come autore e ieri l’ha ulteriormente dimostrato cantando, tra le altre cose, La fine, portata al successo da Tiziano Ferro) e i sopracitati Elodie e Moro. La ragazza di origini francesi (vincitrice morale del talent della De Filippi) dopo aver aperto il suo stage con Un’altra vita, è volata alta sulle note di Io che amo solo te del mai troppo rimpianto Sergio Endrigo, At last di Etta James e A mano a mano, una delle pietre miliari di Rino Gaetano. Tante ragazzine con striscioni per lei, ma sono loro (le nuove generazioni) che portano avanti il mercato discografico, piaccia o meno. E davanti a un talento come Elodie, non ci si può davvero lamentare. Tanto più che la ragazza prima e dopo la sua esibizione, ha seguito attentamente i colleghi. Si chiama umiltà. Un’altra dote che è sempre presente negli eventi di Mannucci.

 

 

@100CentoGradi

 

 

Le foto della serata nella galleria sovrastante sono © Mattia Ravioli & Pietro Guida

 

Prima della serata, occasione per scambiare quattro chiacchiere con Luca Napolitano

 

14037887_1076346505788462_1656290226_o

 

 

Luca, solo trent’anni e già diversi “esordi”. Stasera l’ennesimo. Cosa si aspetta dal pubblico?

Lo vedo molto caldo, anche durante le prove! Mi aspetto l’affetto che ho sempre avuto in questi anni. E’ uscito da poche settimane il mio nuovo singolo estivo, si chiama Ci whatsappiamo e parla della notevole differenza tra il mondo reale e quello virtuale. Ormai viviamo in simbiosi con le applicazioni, siamo schiavi del T9, di whatsapp. Vedo ragazzi in giro che, come canto nel mio brano, escono mano nella mano, l’altra è impegnata con il telefonino

Una critica al virtuale, dunque, anche se con il sorriso. Eppure sui social (Instagram su tutti) è seguitissimo

Devo ammettere che funzionano bene, ho molti seguaci. Fan che mi seguono in rete e fortunatamente anche nei concerti in giro per l’Italia. La rete bisogna saperla usare, anche se certe volte interrompere la connessione non è un’idea malvagia. Tempo fa, fuori da un locale, ho visto una scritta. Recitava :’Non abbiamo il wi-fi, parlate tra di voi’. Ecco, penso che sia un’ottima risposta alla tecnologia

Facciamo un passo indietro. Lei arrivò terzo ad Amici, era il 2008, anno del trionfo di Alessandra Amoroso. Cosa è successo dopo?

Il mio primo Ep Vai divenne disco d’oro. Poi ebbi l’opportunità di duettare con Federica Camba nel brano A sud di New York. Feci anche l’attore nel film omonimo. Ho continuato a cantare, non mi sono mai arreso ai diktat discografici. Anche perché penso che nessuno capisca con esattezza come funzionano. Come nessuno sa realmente come vengono gestiti i passaggi radio. Non credo ci sia malafede, solo tanta confusione.

Parlando di Amici, ora può confessare se le liti tra le varie squadre sono reali oppure no.

Certo, sono verissime! Ma vengono amplificate dal mezzo televisivo. Ad Amici come in tutti i talent show. Si vive, si lotta, si discute. Poi c’è inevitabilmente chi sa giocare con il mezzo. E ne fa l’uso che vuole…

Luca è reale, non finge e quando sale sul palco ha il pubblico dalla sua. Ci whatsappiamo tutti, è vero, ma il calore della gente non sarà mai virtuale. Almeno per lui!

 

@100CentoGradi

Io che amo solo te

Quei due ragazzi lì sullo schermo… Sì, proprio loro: Riccardo Scamarcio e Laura Chiatti, che coppia perfetta. Sul set? Non solo, anche nella vita. Non ce ne vogliano i rispettivi partner ma vederli così solari e complici, affiatati anche nelle gag in conferenza stampa, si ha l’impressione di avere a che fare con una coppia… di fatto. Sono proprio loro a dichiararsi in questo modo. Non è certo il primo film che girano insieme! “Sono felice di essere tornato a lavorare con questa monellaccia – dice Scamarcio – ma come ti sei vestita?” E il riferimento è a un bracciale a scheletro che gingilla durante l’incontro con la stampa. “È qualcosa di sobrio, visto che era una presentazione la mattina”, risponde lei. Nel film, una commedia d’amore con due storie intrecciate, quella di Chiara e Damiano pochi giorni prima di sposarsi e quella dei loro genitori fidanzati tanti anni prima, interpretano due innamorati profondamente insicuri che alla vigilia di un matrimonio, per quel piccolo paese pugliese l’evento dell’anno, si ritrovano a mettere a rischio la loro storia e la famiglia in procinto di formarsi. Per Chiara la tentazione verrà da Vito fotografo, impegnato nel servizio sulle nozze, per Damiano da una ex che torna a farsi viva come ultimo addio al celibato. Una Polignano a Mare baciata dal sole settembrino a far da sfondo. L’accento pugliese dei protagonisti rende il film ancora più gradevole, Ci sarebbe da ridire sulla colonna sonora. Un brano così bello (forse il top della musica italiana, come molti di quel genio di Sergio Endrigo) avrebbe meritato l’incisione originale almeno nei titoli di coda. Il pezzo è interpretato invece da Alessandra Amoroso (anche lei artista nata nel Salento). In sala incontriamo anche la figlia di Endrigo, Claudia, sempre disponibile.

Il film è ispirato al romanzo scritto da Luca Bianchini che affronta proprio le complessità di una coppia di innamorati in procinto di sposarsi. Dal 22 Ottobre al cinema. Nota di colore al termine della proiezione. Massimo Ferrero, onnipresente Viperetta, proprietario della sala cinematografica, vedendo una folta schiera di fotografi in attesa degli attori si è lasciato andare a un:”Ma questi chi c…o aspettano?” Domanda: Era stato avvisato?