Sanremo è adesso. Capitan Baglioni, si parte!

Dal «parappapapparà» al «popòpopoppoppò». No, non è un delirio presanremese, per quanto possa sembrare. E’ l’ultima polemica legata al carrozzone festivaliero che tra poche ore verrà varato. In realtà all’Ariston già si canta da giorni: prove interminabili mentre nel backstage l’attesa per avere più ospiti possibili è febbrile. A memoria, non c’era mai stata tanta smania nell’avere o meno tanti cantanti fuori gara. Si rischia di oscurare i big. Ma, tornando indietro negli anni, ricordiamo come il primo intervento canterino fuori dai canoni fu proprio quello di Claudio Baglioni. Era il 1985 e il neo direttore artistico salì sul palco per interpretare Questo piccolo grande amore votata “canzone del secolo”. Quindi, nessun stupore. E gli ospiti saranno davvero tanti. Da Laura Pausini (in forse per una fastidiosissima laringite e febbre alta) a Biagio Antonacci, dai Negramaro a Max Pezzali, Francesco Renga e Nek fino a Gianni Morandi. Nel mezzo tra gli altri: Piero Pelù, Il Volo e Giorgia. C’è da dire che Baglioni sta curando nei minimi dettagli, con un’attenzione maniacale, come sempre ha fatto. Personaggio che non scende mai a compromessi, capace di bacchettare continuamente la sua scelta femminile Michelle Hunziker (ne azzeccasse una…) in ogni conferenza stampa. Accanto a lei, Pierfrancesco Favino che non sembra affatto teso «Già so che lunedì prossimo avrò nostalgia di Sanremo: ricominceranno a trattarmi male, io vorrò fare le prove e invece mi manderanno a fare la spesa. Stare su un palco fa parte della mia vita, anche se non su questo palco: è una cosa che dà tantissima adrenalina e una sfida elettrizzante. Certo non mi aspettavo questa atmosfera da Nazioni Unite». Baglioni parla invece, come suo costume, in modo forbito spiegando quello che già tutti sanno: ospiti o meno, ci sarà solo tanta musica

La stella polare di Sanremo è sempre stata la musica, ma negli ultimi anni la navigazione ha preso un’altra direzione. Un cantante come direttore artistico — la cosa più naturale per il Festival della musica italiana — è stata un’ipotesi che non è stata presa in considerazione nelle ultime edizioni. Anche Morandi ha fatto in fondo solo il conduttore. In questo Festival non vedrete astronauti o sportivi, la musica sarà centrale.

Approfondisce il concetto il direttore di Rai1 Angelo Teodoli:

Lo strappo alla regola, il segno di discontinuità rispetto alle scorse edizioni è lo spazio alla musica: non solo i cantanti in gara, ma anche tanti cantanti come superospiti. Questo Festival sarà un prodotto meno televisivo e più artistico

Tornando alla querelle del motivetto, a Sanremo ogni cantante interpreterà una parte del testo e il ritornello sarà proprio quel «popòpopoppoppò» destinato a fare da tormentone. Pare che molti di loro abbiano storto il naso, anche per un problema di tempistica. «Baglioni o chi per lui ci ha fatto arrivare la richiesta all’ultimo momento – dichiara un addetto ai lavori – e qualche discografico, uno in particolare, si è talmente irritato da chiedere ai suoi artisti di non firmare la liberatoria». Pare ci sia voluta tutta la forza persuasiva di un supermediatore come l’ex presidente della Warner a far da paciere. Altra polemica è quella riguardante il premio alla carriera. Verrà consegnato a Milva. O meglio, a sua figlia. Sui social, la figlia di Sergio Endrigo (Claudia) è scatenata. Proprio quest’anno si celebra il cinquantennale della vittoria del cantautore di Pola con l’immensa Canzone per te e in molti chiedevano un ricordo. Verrà fatto da… Il Volo. Capirete la differenza.

Primo ospite del festival: Fiorello. Ansiosissimo ha dichiarato:”Claudio, #escimipresto, ti prego, così mi tolgo il pensiero! L’ansia me se magna. Ma chi me lo ha fatto fare’. E’ atteso al teatro Ariston, ma non dovrebbe provare, anche perché, ribadisce minimizzando il suo ruolo, “farò solo lo scaldapubblico” e il copione sarà di una riga “su le mani, giù le mani”. Le aspettative sulla sua incursione e su quello che farà accrescono la sua ansia da prestazione. “Sarò talmente critico su me stesso – conclude – che sui social mi insulterò da solo”.

I cantanti e le canzoni in gara al Festival di Sanremo per la categoria “Campioni”

Annalisa – Il mondo prima di te (venerdì si esibisce con Michele Bravi)
Decibel – Lettera dal Duca (venerdì si esibiscono con Midge Ure)
Diodato e Roy Paci – Adesso (venerdì si esibiscono con Ghemon)
Elio e le Storie Tese – Arrivedorci (venerdì si esibiscono con i Neri per Caso)
Enzo Avitabile e Peppe Servillo – Il coraggio di ogni giorno (venerdì si esibiscono con Avion Travel e Daby Touré)
Ermal Meta e Fabrizio Moro – Non mi avete fatto niente (venerdì si esibiscono con Simone Cristicchi)
Giovanni Caccamo – Eterno (venerdì si esibisce con Arisa)
Le Vibrazioni – Così sbagliato (venerdì si esibiscono con Skin)
Lo Stato Sociale – Una vita in vacanza (venerdì si esibiscono con il Piccolo Coro dell’Antoniano e Paolo Rossi)
Luca Barbarossa – Passame er sale (venerdì si esibisce con Anna Foglietta)
Mario Biondi – Rivederti  (venerdì si esibisce con Ana Carolina e Daniel Jobim)
Max Gazzè – La leggenda di Cristalda e Pizzomunno (venerdì si esibisce con Rita Marcotulli e Roberto Gatto)
Nina Zilli – Senza appartenere (venerdì si esibisce con Sergio Cammariere)
Noemi – Non smettere mai di cercarmi (venerdì si esibisce con Paola Turci)
Ornella Vanoni con Bungaro e Pacifico – Imparare ad amarsi (venerdì si esibiscono con Alessandro Preziosi)
Red Canzian – Ognuno ha il suo racconto (venerdì si esibisce con Marco Masini)
Renzo Rubino – Custodire (venerdì si esibisce con Serena Rossi)
Roby Facchinetti e Riccardo Fogli – Il segreto del tempo (venerdì si esibiscono con Giusy Ferreri)
Ron – Almeno pensami (venerdì si esibisce con Alice)
The Kolors – Frida (mai, mai, mai) (venerdì si esibiscono con Tullio De Piscopo e Enrico Nigiotti)

I cantanti e le canzoni in gara al Festival di Sanremo per la categoria “Nuove proposte”

Lorenzo Baglioni – Il congiuntivo
Mirkoeilcane – Stiamo tutti bene
Eva – Cosa ti salverà
Giulia Casieri – Come stai
Mudimbi – Il mago
Ultimo – Il ballo delle incertezze
Leonardo Monteiro – Bianca
Alice Caioli – Specchi rotti

 

Come funziona quest’anno il Festival di Sanremo

I telespettatori possono votare le proprie canzoni preferite con il televoto. La differenza principale di questa edizione del Festival è che non ci saranno cantanti eliminati di serata in serata: tutti e 20 arriveranno a sabato sera, quando verrà stilata una classifica preliminare e verranno esclusi automaticamente tutti i cantanti sotto al terzo posto. Chi vincerà lo spareggio tra i primi tre classificati sarà il vincitore del Festival di Sanremo.

Martedì sera le canzoni saranno votate con un sistema che terrà conto per il 40 per cento del televoto, per il 30 per cento del giudizio dei membri della giuria della sala stampa e per il 30 per cento della giuria demoscopica, formata da 300 normali fruitori di musica scelti in modo da essere rappresentativi della popolazione italiana.

Mercoledì sera si esibiranno 10 dei 20 “Campioni” (e 4 delle 8 “Nuove proposte”) in gara: saranno votati con lo stesso procedimento usato martedì.

Giovedì sera sarà il turno dei rimanenti 10 “Campioni” (e 4 “Nuove proposte”), votati con il solito sistema. Alla fine della serata verrà stilata una classifica parziale dei “Campioni”, che terrà conto dei voti ottenuti martedì da tutti gli artisti, di quelli ottenuti mercoledì dai primi 10 e di quelli ottenuti giovedì dai secondi 10.

Venerdì sera i 20 “Campioni” canteranno una versione rivisitata della loro canzone con un altro artista: la votazione terrà conto per il 40 per cento del televoto, per il 30 per cento del giudizio della giuria della sala stampa e per il 30 per cento del voto della “giuria di esperti” del Festival (professionisti nello spettacolo, nella musica o nel giornalismo). Sempre venerdì si esibiranno tutti e 8 gli artisti che gareggiano per la categorie “Nuove proposte”: uno di loro sarà proclamato vincitore dopo una votazione ripartita tra televoto, giuria della sala stampa e giuria di esperti.

Sabato sera si esibiranno tutti e 20 i “Campioni” in gara: saranno votati con lo stesso sistema della quarta serata. Verrà stilata un’altra classifica parziale sulla base dei voti ottenuti in tutte le serate precedenti, e saranno assegnati diversi premi (tra cui quello della critica). Quindi verranno eliminati 17 artisti su 20: resteranno in gara solo i primi 3 “Campioni” in classifica. Il loro punteggio verrà azzerato, e si sfideranno in uno spareggio da cui uscirà il vincitore del Festival di Sanremo.

PIERLUIGI CANDOTTI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...