Fuga da Reuma Park

Il parco giochi più assurdo del cinema approda sul grande schermo in un Natale orfano di Zalone ma pieno di cinepanettoni (o burrate come nel caso de La cena di Natale). E a fare gli onori di casa non potevano essere che loro: il trio Aldo Giovanni e Giacomo, tornati dopo due anni alla ribalta. In realtà il film è più un omaggio a ciò che è stato più che un guardare avanti. Durante le due ore, molto divertenti, riaffiorano sketch dai primi anni novanta a oggi. E un po’ di nostalgia c’è, inutile negarlo. Mitigata dall’irriverenza dei tre, piombati in un luna park senile, un viaggio nel futuro di almeno venticinque anni. Giacomo è in sedia a rotelle, attaccato a flebo di Barbera e gira con una pistola giocattolo, Giovanni ha la memoria che fa cilecca e parla con i piccioni (ma non ha perso la passione per le procaci infermiere), Aldo viene abbandonato dai figli (Ficarra e Picone) proprio la mattina di Natale. Accanto a loro, l’onnipresente Silvana Fallisi. Non prende testate questa volta ma è un’infermiera russa che aiuterà i tre in una fuga sui Navigli da Milano verso Rio De Janeiro. A farla da padrone sono sempre le battute dei tre. La loro verve sembrava perduta dopo i primi tre film plurimiliardari (l’ultimo, Chiedimi se sono felice, risale a inizio millennio). Qui si torna agli antichi splendori e l’idea di volare nel tempo (anche senza la DeLorean) non è affatto peregrina. Un battello può bastare per scappare da Reuma Park. Al massimo si arriva a Cernusco e non in Brasile. Ma si combattono gli acciacchi, veri o presunti che siano.

 

@100CentoGradi

Braccialetti Rossi 3

 

Tantissimi ragazzi, alcuni accompagnati dai genitori. No, non siamo all’ingresso di una scuola dopo una giornata di sospensione collettiva. La folla presente stamattina in Viale Mazzini, davanti allo storico ingresso Rai, attende i protagonisti di una delle fiction più famose e seguite in Italia. Sono i fan di Braccialetti Rossi, giunto alla terza edizione. Quello che stupisce è la compostezza nel rimanere dietro le transenne anche se poi qualcuno riuscirà a eludere la vigilanza e a entrare nel blindatissimo palazzo. Il popolo del watanga (questo è ‘grido’ del gruppo, un segno d’unione) che rimane anche nel pomeriggio per un incontro speciale con il cast. Nuovi ingressi (Francesca Chillemi e Luca Ward su tutti) e la scelta Rai di tornare, almeno la domenica, a una programmazione normale. “Si partirà alle 20:35, subito dopo il Tg1, come negli anni d’oro della tv per permettere ai ragazzi che la guardano di non fare troppo tardi, visto che lunedì si va a scuola” (così il direttore di RaiUno Andrea Fabiano).

LA PRIMA PUNTATA –  In ospedale arriva Bobo, un ragazzo bello e tenebroso la cui vita è appesa ad un filo: solo un trapianto di cuore può salvarlo. Nel frattempo Nina costringe Vale a farle una promessa molto importante. Sull’isola, l’idillio amoroso di Leo e Cris deve fare i conti con la malattia del nostro leader: Leo ha un malore e deve tornare in ospedale per sottoporsi alle terapie. Il ragazzo scopre che il suo nuovo compagno di stanza è proprio Bobo.

In quel momento arriva anche un cardiochirurgo importante, chiamato proprio per seguire il ragazzo: si tratta del dottor Baratti. Nel reparto di oculistica, i genitori di Flam ricevono una notizia inaspettata, che costringe il papà a bussare alla porta della sua ex moglie, da cui ha avuto una figlia, Margi, che ignora l’esistenza di Flam ma potrebbe cambiarle la vita…

Leo esce di nascosto per andare sulla tomba di sua madre, ma con sua sorpresa, c’è un uomo che le sta portando dei fiori, un uomo che non ha mai visto.

 

@100CentoGradi