Non c’è campo

 

 

Non c’è tempo, non c’è spazio… e ora neanche campo. Nella prima giornata veramente autunnale (vento sferzante in una gelida mattinata romana, comunque baciata sempre dal sole alla faccia dei secessionisti nordici) è stato presentato il nuovo film di Federico Moccia.

LA TRAMA

La professoressa Laura (Vanessa Incontrada), votata al lavoro di insegnante e ispiratrice di giovani menti, organizza per la classe una gita nel borghetto pugliese dove vive e produce l’artista internazionale Gualtiero Martelli (Corrado Fortuna). In compagnia della collega Alessandra (Claudia Potenza), Laura parte a bordo del pullman zeppo di alunni impazienti, tra i quali ci sono anche Francesco (Mirko Trovato), Flavia (Beatrice Arnera) e Valentina (Caterina Biasiol). Giunti a destinazione nel piccolo paese salentino, i ragazzi, assuefatti al tap tap e ai trilli delle notifiche, sono i primi ad accorgersi che laggiù, oh no, Non c’è campo! Anche le adulte sono preoccupate di fronte al black out telematico. Laura non sa come contattare il marito Andrea (Gian Marco Tognazzi) e la figlia Virginia (Eleonora Gaggero) che la aspettano a casa. La stimolante visita culturale di una settimana si preannuncia una difficile prova di astinenza da smartphone, ora accessorio inutile; gli istinti frenati di comunicazione compulsiva scatenano reazioni imprevedibili, segreti inconfessabili e nuovi amori. In un percorso di riscoperta per gli adulti e di formazione per i giovani, la gita sarà per tutti un momento di crescita e di svolta, grazie ad un rapporto senza filtri…

Moccia, dunque, dopo aver ricevuto gli strali di migliaia di romani per aver invogliato con i suoi libri almeno una generazione di ragazzi ad attaccare lucchetti in ogni dove, lancia un messaggio completamente diverso. Forse vuole redimersi, ma realizzare un film del genere è molto coraggioso. Si parla di commedia, intendiamoci. Ma se solo il 20% di chi vedrà il film capirà che c’è vita anche fuori dallo smartphone, avrà vinto ancora una volta. Ecco le sue parole in conferenza stampa

Sono stato chiamato da Sonia Olati che mi ha sottoposto una sceneggiatura nata da un’idea di Francesca Cucci che era stata scritta diversi anni fa. Il copione prendeva spunto da ciò che accadeva in un piccolo paese molisano dove non c’era campo. Qualcuno aveva scritto un articolo che aveva ispirato la sceneggiatura e che diceva che là la gente viveva decisamente meglio senza telefonini. Ho riscritto alcune cose, insieme a Chiara Bertini, nella speranza di poter trovare gli attori adulti giusti. Abbiamo deciso di girare a Scorrano (paesino in provincia di Lecce), dove abbiamo potuto contare sul sostegno di un’ottima Film Commission. Era una location perfetta, perché, neanche a farlo apposta, non c’era segnale. Ci siamo divertiti nonostante la fatica e mi è piaciuto molto lavorare con questi giovanissimi attori che si sono mescolati maniera credibile con i più grandi.

PIERLUIGI CANDOTTI

 

Braccialetti Rossi 3

 

Tantissimi ragazzi, alcuni accompagnati dai genitori. No, non siamo all’ingresso di una scuola dopo una giornata di sospensione collettiva. La folla presente stamattina in Viale Mazzini, davanti allo storico ingresso Rai, attende i protagonisti di una delle fiction più famose e seguite in Italia. Sono i fan di Braccialetti Rossi, giunto alla terza edizione. Quello che stupisce è la compostezza nel rimanere dietro le transenne anche se poi qualcuno riuscirà a eludere la vigilanza e a entrare nel blindatissimo palazzo. Il popolo del watanga (questo è ‘grido’ del gruppo, un segno d’unione) che rimane anche nel pomeriggio per un incontro speciale con il cast. Nuovi ingressi (Francesca Chillemi e Luca Ward su tutti) e la scelta Rai di tornare, almeno la domenica, a una programmazione normale. “Si partirà alle 20:35, subito dopo il Tg1, come negli anni d’oro della tv per permettere ai ragazzi che la guardano di non fare troppo tardi, visto che lunedì si va a scuola” (così il direttore di RaiUno Andrea Fabiano).

LA PRIMA PUNTATA –  In ospedale arriva Bobo, un ragazzo bello e tenebroso la cui vita è appesa ad un filo: solo un trapianto di cuore può salvarlo. Nel frattempo Nina costringe Vale a farle una promessa molto importante. Sull’isola, l’idillio amoroso di Leo e Cris deve fare i conti con la malattia del nostro leader: Leo ha un malore e deve tornare in ospedale per sottoporsi alle terapie. Il ragazzo scopre che il suo nuovo compagno di stanza è proprio Bobo.

In quel momento arriva anche un cardiochirurgo importante, chiamato proprio per seguire il ragazzo: si tratta del dottor Baratti. Nel reparto di oculistica, i genitori di Flam ricevono una notizia inaspettata, che costringe il papà a bussare alla porta della sua ex moglie, da cui ha avuto una figlia, Margi, che ignora l’esistenza di Flam ma potrebbe cambiarle la vita…

Leo esce di nascosto per andare sulla tomba di sua madre, ma con sua sorpresa, c’è un uomo che le sta portando dei fiori, un uomo che non ha mai visto.

 

@100CentoGradi