L’effetto domino di Malika Ayane

 

 

Quanto è difficile avere successo, essendo artiste raffinate, nel panorama musicale odierno? Se parliamo di Malika Ayane, la risposta è ovvia: semplicissimo. La sua grazia, accompagnata alla particolarissima voce, raggiunge l’apice con il quinto lavoro, uscito da due mesi esatti nei negozi. Domino, il titolo, si compone di dieci tracce tutte scritte dall’artista milanese (la maggior parte in coppia con Pacifico). Solo cinque dischi in dieci anni di carriera, la Ayane ha sempre preferito la qualità alla quantità ed è sempre stata premiata dal pubblico. Cantautrice di nicchia? Forse, anche se i singoli estratti dai suoi album sono sempre in alta rotazione nelle airplay radiofoniche. Partita da Feeling better, passando per brani come i sanremesi Come foglie e Ricomincio da qui (due gioielli) arricchendo la sua carriera con la splendida Il tempo non inganna, Malika non tradisce e con Sogni tra i capelli mantiene altissimo il livello. Sicuramente più impegnato dell’estivo e orecchiabile Stracciabudella. Voce, musica e… un fischiettio coinvolgente. Stasera il tour della Ayane fa tappa a Roma: tour originale e ambizioso: due concerti nella stessa città, come capita dalla prima tappa (il 6 novembre a Genova). Il primo in teatro, in compagnia di cinque strumentisti: Daniele Di Gregorio alla marimba, Carlo Gaudiello al piano, Marco Mariniello al basso, Jacopo Bertacco alla chitarra, Nico Lippolis alla batteria. Il secondo, il giorno dopo, in un club con i soli Bertacco, Lippolis e un synth suonato dalla cantante. “Nei concerti nei teatri cercheremo di sviluppare il piano dell’ascolto: tanti strumenti suoneranno meno e suoneranno assieme. Il giorno dopo, nei club, quasi solo due strumenti faranno muri di suono, loop, effetti. Jacopo, poi, è pazzesco, quando tocca lo strumento sembrano tre chitarre. Sarà stupefacente”. Oggi on stage all’Auditorium Parco della Musica, domani sera al Monk.

 

 

PIERLUIGI CANDOTTI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...