La paranza dei bambini – Incontro con Roberto Saviano

Tanto tuonò che, alla fine, piovve davvero. In tutti i sensi. Più di mille persone in fila dalle prime ore del pomeriggio davanti a La Feltrinelli di Via Appia, a Roma per assistere all’incontro con lo scrittore Roberto Saviano in occasione dell’uscita del suo nuovo romanzo La paranza dei bambini. Folla composta, almeno nelle prime file. Poi con il trascorrere dei minuti, l’arte di arrangiarsi (quella tipica, all’italiana) ha cercato di prevalere. “Sono appena uscita dal lavoro, fatemi passare” “Io entro con te, tanto chi se ne accorge” “E dovrei farmi un’ora di fila? Io spingo, tanto…” le frasi udite dagli ultimi arrivati. Che in libreria ci fosse una persona anni luce lontana dalle loro prepotenze, poco importa. Nel locale, tutti composti. Merito di un imponente servizio di sicurezza che, va detto, ha funzionato perfettamente. Presentazione durata un’ora con la giornalista Silvia Truzzi e la rapper Baby K. a far da spalla a Saviano. Si parla dei ragazzi di Napoli, soprattutto ma il discorso inevitabilmente approda sulla piazza più grande e meno controllata: quella della rete

I ragazzini (parliamo anche dei tredicenni) che restano fuori dal branco, cercano il colpevole, quello che li ha messi in disparte e poi nutrono invidia. Oggi il sentimento più popolare, viene generato e alimentato da Internet: una volta nessuno sapeva come vivevano i ricchi, ora li hanno sotto gli occhi e questo li fa impazzire, si sentono dei falliti. I ragazzi di Napoli vedono questi video di lusso sfrenato e si dicono: quanti straordinari dovremmo fare per arrivare lì? E’ la risposta a portarli sulla strada

La paranza dei bambini narra la controversa ascesa di una paranza (un gruppo di fuoco legato alla Camorra) e del suo capo, il giovane Nicolas Fiorillo. Appollaiati sui tetti della città, imparano a sparare con pistole semiautomatiche e AK-47 mirando alle parabole e alle antenne, poi scendono per le strade a seminare il terrore in sella ai loro scooter. A poco a poco ottengono il controllo dei quartieri, sottraendoli alle paranze avversarie, stringendo alleanze con vecchi boss in declino. I tempi di Gomorra non sono tanto lontani. Resta da capire come (e se, soprattutto) racconti del genere possano in qualche modo far crescere l’emulazione. Non sempre si nasce delinquenti. Saviano lo sa, ma non potrà mai assumersi le colpe per aver portato alla luce storie delle quali nessuno vuole parlare. Lui continua a esporsi per non darla vinta a chi lo ha sempre attaccato usando le solite armi: o “quello lì copia” oppure “questo lo si sa da anni”. Vero, ma che non si sia mai fatto nulla per sconfiggere lo è altrettanto. Chiusura, inevitabile, con le sue reazioni al voto americano che ha vinto trionfatore il repubblicano Donald Trump. Lo scrittore napoletano la pensa così

C’è un’intera classe sociale, a Napoli come negli USA, strozzata dalla crisi che scivola sempre più in basso e le famiglie incapaci di reggere l’urto implodonoIntere parti sociali vengono fatte a brandelli, lasciate fuori da tutto, dal lavoro, dall’ istruzione, dalla vita, nel nome di un progresso sempre più veloce. La verità è che sono tornate le caste

 

@100CentoGradi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...