Estate in Trio per Erica Mou

 

Quanto tempo ci vuole per crescere? Quanta esperienza e quante ferite devono rimarginarsi prima di sentirsi finalmente adulti? E poi… Un giorno questo dolore ti sarà utile, come nel romanzo di Peter Cameron? Incontrando Erica Mou sembra che la risposta sia totalmente affermativa. Tra separazioni dolorose e incidenti, gli ultimi due anni per la cantautrice pugliese hanno avuto un effetto dirompente sulla sua vita. La frattura dell’omero e il successivo intervento dopo esser stata investita in bicicletta ha chiuso il cerchio.

Erica, come sta ora?

Va tutto molto meglio, finalmente! Sia fisicamente che moralmente. Già nel mio ultimo disco (Tienimi il posto) avevo espresso in musica il mio desiderio di cambiare. Ora ho una grande forza interiore. Il cervello è sempre attivissimo, scrivo tanto e mi sento libera. L’incidente è stato solo l’ultimo tassello che non ha intaccato, anzi ha rafforzato il mio desiderio di guardare oltre

Cambiamento che si percepisce anche da questa assoluta novità. Sarà sul palco insieme ad altri due musicisti. La chitarra verrà usata di meno per questioni logistiche o per una scelta ponderata?

Il tour si chiama Di necessità virtù. Ma posso rassicurare tutti che la imbraccerò di meno per la volontà di proporre al pubblico una novità. Anzi due. Sarò accompagnata dal mio grandissimo amico Antonio Iammarino al piano rhodes e dalla violoncellista Flavia Massimo. La conosco da poco ma si è subito instaurato un feeling particolare, è una donna splendida. Abbiamo riarrangiato con molta spontaneità dei pezzi che mi vedevano protagonista da sola, chitarra e voce. Una necessità fisica ed emotiva quella di affidarsi anche agli altri. In più ci sarà una forte componente ritmica con batteria elettronica.

Che pezzi avete in scaletta? Vedremo ancora Erica alle prese con cover di grandi artisti?

Assolutamente sì. Posso preannunciare che abbiamo preparato una versione de L’Edera (brano storico di Nilla Pizzi) molto particolare. Da sempre sono alla ricerca, nel repertorio di grandi artisti, di pezzi meno famosi lasciati al proprio destino. Sarebbe un delitto non cercare di proporli. Ma quando mi trovo al cospetto di brani storici, devo necessariamente stravolgerli e farli entrare nelle mie corde. Una prova fatta nei tour precedenti, ad esempio, con Pensiero stupendo di Patty Pravo. Poi chissà, ho sempre nel cassetto il sogno di incidere un disco realizzato solamente da cover

Quanto ha pesato la separazione  dalla Sugar?

E’ stata una scelta consensuale. Da ambo i lati non c’era la volontà di proseguire il rapporto. Era arrivato il momento di seperarsi. Esigenza generale, rinnovamento. L’ennesimo… 

Con Tienimi il posto avete puntato molto in alto. Addirittura un doppio vinile. Per chi è questo regalo? Per lei o per il pubblico?

Credo sia un regalo per tutta la mia prima parte di carriera. Per Marco Valente con il quale c’è stata una separazione lavorativa e per celebrare l’inizio di nuove strade da percorrere. Realizzando il vinile abbiamo lavorato come si faceva tanti anni fa, riversando non solo il cd su una lacca ma registrando anche un disco ex novo in presa diretta su nastro, chitarra e voce.

Qual è il pezzo che non mancherà mai in scaletta e quello che può anche rimanere ai margini?

La risposta a entrambe le domande è solo una: Oltre. E’ un brano che ha significato tanto per me e per i fan. Ero all’inizio della carriera. Credo però che Dove cadono i fulmini continuerò a suonarla per tanti anni ancora. La musica non appena è sul mercato non appartiene più all’artista. Le canzoni che sento mie sono quelle che sto scrivendo oggi. Le altre non sono private, messaggi singoli a persone singole, sono diventate altro.

L’abbiamo vista al cinema con Checco Zalone in un cameo di Quo Vado e in varie presentazioni del libri di Chiara Gamberale…

Due esperienze diverse. Con lo staff di Checco siamo in ottimi rapporti e non ho esitato un attimo a dire sì alla loro proposta. Con Chiara abbiamo tantissimi punti di incontro che esulano dalla lettura e dalla musica. Io entro nei suoi libri e i suoi scritti li ritrovo nei miei testi. E’ un rapporto umano, fatto di forte empatia nato prima della nostra conoscenza reale. Infilarmi tra le sue pagine è facile come andare a prenderci un caffè parlando di qualunque cosa.

Erica, il suo look è cambiato moltissimo negli anni. Quando la rivedremo con i capelli lunghi?

Molto presto! Per noi donne i capelli sono parte integrante della psicologia. Da quando ho avuto l’infortunio al braccio ho riscoperto quanto fosse bello il gesto di legarli. Stanno ricrescendo. La mia vita è in una nuova fase, mi guardo allo specchio e sento il bisogno di mostrare a tutti il mio cambiamento. Ma anche se non fossi un personaggio pubblico e lo mostrassi solo a me stessa, sarei ugualmente felice. Erica si è data una bella svegliata!!!

@100CentoGradi

L’esordio avverrà domani sera al Monk L’evento è a ingresso gratutito; apertura porte ore 20.30 – inizio live ore 21.30.

 

 

untitled

Fotografia di Mariagrazia Giove

 

mou metro

 

 

@100CentoGradi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...