TIMBUKTU

Raccontare la Jihad è in questo particolare periodo storico quanto di piu’ pericoloso e al contempo stimolante. Si parla dell’Islam, della follia estremista, si dipingono i guerrafondai come persone comuni con le loro passioni, i loro vizi (fumare di nascosto…), le loro fragilità. Non esiste differenza tra jihadisti offensivi e difensivi per Sissako. Tutti uguali, tutti ridicoli, coglioni (così li definisce la moglie di uno di loro ascoltando una conversazione calcistica), ipocriti. Eravamo in attesa di scene cruente. Ne abbiamo viste ben poche, a parte la lapidazione (storia vera) di una coppia. Paradossalmente il film potrebbe avere questo come unico frame. Spiegherebbe il significato di guerra santa. In realtà la storia che si vuole raccontare è quella di una zona occupata dai fondamentalisti religiosi. Tutto ambientato tra le dune sabbiose, il film vede come protagonisti Kidane, la moglie Samira, la figlia Toya e il guardiano della loro mandria di buoi (il dodicenne Issan). Vivono in una tenda. Intorno a loro vengono emessi divieti surreali e sentenze tragiche. La loro vita trascorre serenamente sino all’uccisione di Gps (il loro bue prediletto) da parte di Amadou, il pescatore della città. La vendetta di Kidane sarà letale quanto involontaria. Parlavamo di divieti. E’ vietato giocare a pallone, ascoltare musica, cantare, persino ridere. Scena memorabile e di grande impatto emotivo vede impegnati i ragazzi del paese in una partita di calcio senza il…pallone. La pellicola è candidata agli Oscar come miglior film straniero ed ha aperto la scorsa edizione del Festival di Cannes. Da vedere e rivedere.