Il figlio di Saul

 

Un filone inesauribile di storie. Questo è da anni, per il cinema, la deportazione ad Auschwitz. Il figlio di Saul, candidato ungherese all’Oscar 2016 per il miglior film straniero non fa eccezione. L’imminente ricorrenza della annuale Giornata della Memoria consueto appuntamento del mese di gennaio, fa da cornice a questa nuova pellicola.

Diretto dall’ungherese László Nemes, il film ha come protagonista Saul, appunto, nome che richiama la Bibbia e, nello specifico, il primo re d’Israele, membro della tribù di Beniamino. Nella pellicola Saul è un ebreo ungherese rinchiuso ad Auschwitz. Ma non solo: egli è un Sonderkommando, termine che indica i prigionieri nei campi di sterminio costretti a collaborare con i nazisti.

Migliaia di ebrei vengono spediti alle docce, dove trovano la morte: tra quelle vittime c’è un ragazzo, che Saul crede essere suo figlio (e, forse, lo è veramente). Il giovane sopravvive alle docce, ma viene subito dopo ammazzato. Da quel momento, Saul farà di tutto per nascondere il corpo, per non bruciarlo e dargli degna sepoltura.

Protagonista è l’attore e poeta ungherese Géza Röhrig (qui al suo debutto come attore). Il film ha partecipato in concorso al Festival del cinema di Cannes nel 2015, vincendo il Gran Prix Speciale della Giuria. Nelle sale italiane approderà il 21 Gennaio.

 

@100CentoGradi

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...